Lettori fissi

martedì 17 aprile 2012

Ed ora un pò di primi ...

Devo ammettere che in cucina preferisco il salato al dolce ... soprattutto mi piace tanto impastare, sentire la pasta che si modella sotto le mie mani e respirare il profumo che emana un semplice impasto di acqua e farina.
Questi gnocchetti li ho realizzati così di impeto, prendendo 3 ingredienti ad occhio, senza pesare le quantità (in cucina l'ho un pò a noia star lì a misurare ogni singolo ingrediente, preferisco essere libera ... sarà per questo che preferisco il salato??? Forse perchè il dolce si presta poco a questa mia libertà? Ma no ... è proprio il gusto salato che mi esalta più del dolce!)
Discorsi a parte, mio marito aveva preso due kg di ricotta di pecora dal pastore e cosa farne??? Una buona parte è andata via mangiata così a cucchiaiate ... mmmhhh che buona ... e con l'altra parte cosa fare??? Questi gnocchetti e dei ravioletti!
Ho fatto così lessare un pò di spinaci (la prima volta ho usato quelli surgelati, la seconda quelli freschi) e poi ho impastato la ricotta e gli spinaci con un pò di farina ed un uovo. La farina basta quella necessaria ad ottenere un impasto omogeneo e morbido. Dopodichè decidere se fare delle palline (la prima volta ho fatto così) o dei cubetti (come nella foto) ottenuti facendo dei rotoli di pasta e ritagliati a bocconcini. Cuocere in acqua bollente salata, quando vengono a galla lasciar cuocere ancora un minuto e poi scolare. (ricordare di mettere nell'acqua un filo d'olio prima di buttare la pasta). Servire nel piatto con un filo d'olio ed una manciata di formaggio grattugiato. Buon appetito!

Questi ravioli invece li ho fatti impastando un pò di farina con acqua e aggiungendo all'impasto un pò di sale. Anche qui le dosi sono libere, basta avere l'accortezza di ottenere un impasto omogeneo e morbido. Dopodichè ho steso la pasta con il mattarello in una sfoglia sottilissima (spessore max un paio di mm). Ho ritagliato dei dischetti e su metà di essi ho messo un pò di ricotta. L'altra metà dei dischetti l'ho usata per richiudere i ravioli, avendo cura di premere bene i bordi con le dita. Infine, si può decidere se cuocerli a vapore - e vengono una bontà! - o in acqua bollente salata e appena vengono a galla possono essere scolati, meglio usare una schiumarola per non rovinarli. Servire conditi con un filo d'olio o con un sugo a vs piacere. Buon appetito!

2 commenti:

  1. Ma sei anche una bravissima cuoca!!Complimenti!!

    RispondiElimina
  2. diciamo che la cucina è stata la mia primissima passione, che poi però ho lasciato un pò andare ...
    e ogni tanto sento il bisogno di ritornare a pasticciare anche in cucina.

    RispondiElimina

Grazie per la tua visita ... se ti ha fatto piacere ritorna!